Amanita muscaria: il fungo di Super Mario è reale

Staff WeWeed

amanita muscaria super mario
Indice

Cos’è l’Amanita muscaria?

L’Amanita muscaria, nota anche come Fly agaric, è un fungo molto velenoso che si può trovare nell’Europa continentale, settentrionale e nel Regno Unito. In realtà, è un viaggiatore del mondo in quanto è stato trovato anche in Brasile, Sudafrica, Asia centrale e in tutto il Nord America dunque si potrebbe definire un fungo “cosmopolita”.

Nonostante la sua recente popolarità in Nord America, ha una storia piuttosto ricca. In alcune zone dell’Europa settentrionale e dell’Asia centrale veniva spesso utilizzato nelle antiche tradizioni popolari e sciamaniche e, secondo il Servizio Forestale degli Stati Uniti, le culture precristiane lo utilizzavano durante le celebrazioni del solstizio d’inverno.

Come riconoscere l’Amanita muscaria?

L’ammanita muscaria (e un’altra varietà simile, l’Amanita pantherina) è un fungo dell’ordine degli agarici che compare in habitat molto ampi delle zone temperate e boreali dell’emisfero settentrionale. Cresce sia a basse altitudini che nelle zone di alta montagna, soprattutto nelle foreste di conifere come abeti e pini neri, oltre che nelle foreste di faggi e betulle. Di solito compare alla fine dell’estate ed è particolarmente diffusa in autunno.

È stato descritto come “uno dei funghi più notevoli e belli”, con il suo cappello rosso scarlatto ricoperto di macchie bianche e il suo gambo bianco, che spicca in modo brillante tra la sporcizia dei boschi. È anche un fungo abbastanza grande e difficile da non notare, di solito misura circa 5-20 centimetri di larghezza.

amanita muscaria

L’Amanita muscaria: gli effetti

Il fungo velenoso amanita rispetto agli altri “funghi magici” non contiene la psilocibina o psilocina, bensì due ingredienti chiamati muscimolo e acido ibotenico

Il muscimolo offre uno sballo molto diverso rispetto alla psilocibina: può essere definito come cambiamenti di percezione e rilassamento, ma è possibile un certo senso di euforia. I funghi possono fornire una combinazione di effetti depressivi, sedativi e potenzialmente deliranti.

Gli effetti iniziano a manifestarsi da 30 a 90 minuti dopo l’ingestione.

L’esperienza complessiva dipende molto dalla quantità di amanita ingerita. Per esempio, se si assumono solo piccole quantità di funghi amanita, ci si può sentire semplicemente più rilassati con la tendenza a scivolare in vividi sogni ad occhi aperti o ad avere incredibili esperienze oniriche quando ci si addormenta. Non è raro che le persone si addormentano mentre fanno uso di funghi amanita e si svegliano con profonde rivelazioni o domande derivanti da ciò che hanno sognato mentre erano sotto l’influenza dei funghi amanita.

Dall’altra parte molti riferiscono durante il trip la sensazione di looping: gli utenti riferiscono di fare cose a ripetizione. Forse questo è il risultato della natura delirante del fungo: a volte le persone non riescono a capire se le cose sono reali o meno.

Al contrario, l’assunzione di grandi quantità di amanita muscaria è destinata a portare a un’esperienza più delirante, con maggiori probabilità di allucinazioni ed effetti collaterali.

In conclusione, le esperienze con l’Amanita muscaria variano molto: alcuni utenti non riferiscono nulla, mentre altri hanno trip importanti che li lasciano con un sacco di nuove domande la mattina dopo. Alcuni riferiscono euforia, mentre altri si sentono male e hanno paura. È generalmente considerata imprevedibile. Gli effetti possono durare dalle 4 alle 10 ore.

L’Amanita muscaria è velenosa?

Queste esperienze accadono in quanto l’Amanita muscaria è tecnicamente velenosa. Grazie ai miracoli della medicina moderna, gli incidenti mortali dovuti al suo consumo sono estremamente rari, ma possono comunque verificarsi. Ci sono stati casi di persone che sono entrate in coma dopo averla mangiata. Detto questo, la North American Mycological Society afferma che “nell’uomo non sono stati documentati in modo attendibile casi di morte dovuti alle tossine di questi funghi negli ultimi 100 anni”. Tuttavia, probabilmente è meglio essere prudenti. Anche se si sostiene che il fungo è stato ingiustamente dipinto come l’immagine del veleno puro, ci sono comunque effetti negativi che possono verificarsi se lo si mangia. Se l’A. muscaria viene mangiata cruda, di solito i sintomi di tossicità compaiono entro 30 minuti o due ore dall’ingestione. Sono prevedibili nausea, vomito, pirosi gastrica, diarrea, stipsi ma la maggior parte degli effetti si verifica a livello del sistema nervoso centrale. Le persone spesso sperimentano convulsioni, confusione, distorsioni visive, midriasi, ipereccitabilità furiosa con scosse cloniche, coma. 

Come si mangia?

Prima di tutto, gli effetti tossici dell’Amanita muscaria sono causati dall’acido ibotenico. La bollitura del fungo elimina l’acido e lo rende per lo più innocuo. I funghi secchi sono migliori per lo stomaco di quelli crudi. Non mangiate il gambo, che in genere può contenere molte larve, quindi buttatelo via e concentratevi sui cappelli rossi. Una volta che il cappello è asciutto, potete mangiarlo crudo, oppure farlo bollire ancora un po’ e berne un infuso. In realtà, la maggior parte delle persone tende a consigliare questo procedimento, in quanto riduce ulteriormente il rischio di mal di stomaco. Il consiglio, quindi, è: Usate molta acqua e fate bollire i funghi.

Il dosaggio 

Una buona dose iniziale di Amanita muscaria è rappresentata da un piccolo cappello di fungo o meno di cinque grammi. Se è la prima volta, iniziate con calma: il livello di principi attivi in ogni cappello di A. muscaria varia enormemente a seconda delle precipitazioni, della geografia, delle specie arboree ospiti e altro ancora, per cui non si può mai sapere veramente cosa si sta assumendo con questi funghi.

In questo video una veloce guida su come riconoscere l’amanita muscaria!

L’Amanita muscaria è legale?

Al momento, l’Amanita muscaria è legale in America, Svezia, Irlanda e Russia ma decisamente illegale in Australia, Romania, Paesi Bassi e Thailandia.

In Italia viene considerata velenosa poiché l’uso di tale fungo come sostanza stupefacente, oltre ad essere illegale può indurre in coma e morte da overdose non preventivamente ipotizzabile e quindi controllabile.

Come coltivarla

L’amanita può essere coltivata outdoor specialmente se viviamo nell’emisfero settentrionale oppure se siamo in grado di ricreare un habitat tipico. 

Secondo alcuni, si è riscontrato un successo germinando i semi degli alberi contenenti le spore in acqua prima di spargerli sulle radici dei pini. 

Alcuni coltivatori accaniti suggeriscono di incidere le radici dell’albero per favorire il processo. Ma, francamente, non è chiaro se questa pratica abbia veramente una funzione.

Che sia chiaro si dovranno aspettare anni per vedere i risultati. I funghi sono noti per i loro tempi di crescita e l’Amanita Muscaria non è da meno. Dunque, la prima cosa da fare è: armarsi di pazienza.

Se non abbiamo, invece, un posto esterno dove coltivarla possiamo provare la coltivazione indoor, che ha bisogno di alcuni elementi:  

  • Terriccio – È un elemento indispensabile per la coltivazione di qualsiasi pianta in casa. Assicuratevi che il tipo di terriccio che acquistate sia in grado di garantire un ottimo drenaggio, poiché l’Amanita non tollera l’acqua stagnante. Se non trovate una buona miscela presso il vostro vivaio di fiducia, preparate una vostra miscela di perlite e muschio di torba;
  • Acqua – Nonostante non tolleri l’acqua stagnante, questo fungo fiabesco richiede un ambiente umido per crescere adeguatamente. Dovrete quindi assicurarvi di avere acqua in abbondanza per mantenere i vostri piccoli idratati durante il loro viaggio;
  • Controllo della temperatura – Senza un adeguato controllo della temperatura, i vostri sforzi saranno vani. I funghi Amanita Muscaria non apprezzano temperature inferiori a 4,4 gradi Celsius o superiori a 32,2 gradi Celsius. L’ideale sarebbe mantenere una temperatura di 20 gradi Celsius.
  • Drenaggio – Come già accennato, l’acqua stagnante è assolutamente da evitare. Pertanto, è indispensabile un buon drenaggio. 
  • Terrario – Poiché il fungo viene solitamente coltivato in terra selvatica, avrete le migliori possibilità di successo se acquisterete un terrario. Assicuratevi che riceva una quantità uniforme di luce e che la temperatura sia impostata come spiegato sopra.

Una volta ottenuto tutto il necessario, potete piantare le spore e attendere i risultati.

Anche se le probabilità sono basse, le spore possono crescere molto in casa se le loro esigenze sono soddisfatte e non sono in competizione con altre piante per le sostanze nutritive o l’umidità.

amanita muscaria cos'è

Esigenze di irrigazione

Come si fa a ottenere l’ambiente umido che l’Amanita adora? Innaffiandole con cadenza bisettimanale. Anche se non deve essere preciso, è meglio attenersi a questo programma (a patto che il terrario e la miscela del terreno consentano un ottimo drenaggio). 

Alcune fonti suggeriscono che lasciarle assorbire le precipitazioni naturali di tanto in tanto (purché la temperatura lo consenta) può fare miracoli. 

Una volta comparsi i tappi, è necessario aumentare i livelli di umidità nebulizzandoli regolarmente (va bene un qualsiasi flacone spray pulito riempito d’acqua). Si consiglia anche di annaffiare più frequentemente in questo periodo per favorire la fruttificazione. 

Concimazione dell’Amanita Muscaria

Se volete aumentare le probabilità di successo provate a concimare l’Amanita con gusci di ostrica. Questo metodo è utilizzato da secoli, anche nelle aziende agricole che utilizzano terreni organici. 

Ecco come fare:

  • Trovate o acquistate dei gusci di ostrica.;
  • Schiacciateli in piccoli pezzi;
  • Cospargere la superficie del terreno;
  • Assicuratevi che le conchiglie si scompongano nel substrato prima di piantare i funghi (ci vorrà circa una settimana); 
  • Una volta che le conchiglie sono ben mescolate, piantate i funghi.

Chi ha provato questo metodo consiglia di combinarlo con altri materiali come fondi di caffè, compost, scarti di giornali e pannocchie di mais sminuzzate dell’anno precedente. 

Come raccogliere l’Amanita Muscaria

Se siete riusciti a coltivare i vostri funghi Amanita, indossate i guanti e raccoglieteli usando pinzette o tenaglie per evitare il contatto. 

Una volta raccolte, strofinatele sotto l’acqua corrente per pulirle. Ma fate attenzione all’ingestione: dovreste consumare solo funghi Amanita Muscaria correttamente lavorati e filtrati, provenienti da fonti affidabili, per garantire che il rischio di tossicità sia minimo. 

Ooops

Sei un ribelle… Bravo! 😀

Ringrazia il tuo spirito ribelle, ti sei appena aggiudicato un codice sconto del 15%!!

Utilizza il codice –> sonounribelle <– per ricevere il 15% di sconto su tutti i prodotti WeWeed

<3

marijuana-legale-weweed-logo.svg

Weweed Marijuana Legale

Per accedere al sito devi essere maggiorenne

PROVA GLI STRAIN PREMIUM:

LE SELEZIONI D’ALTA GAMMA WEWEED!