Sea of Green: Tecniche e Consigli per Ottimizzare l’Arte del SOG

Staff WeWeed

sea of green cannabis
Indice

La coltivazione della cannabis, come molte altre forme di agricoltura, è stata perfezionata attraverso anni di sperimentazione, innovazione e ingegneria. Tra le tecniche emerse, il “Sea of Green“, o SOG, si distingue come uno degli approcci più efficaci e produttivi per ottenere il massimo dalla vostra coltivazione, specialmente quando lo spazio è limitato. Ma, cos’è esattamente e come si fa? Scopriamolo insieme.

Cos’è il Sea of Green (SOG)?

Il “Sea of Green”, o “Mare di Verde” in italiano, è una tecnica di coltivazione che implica la piantumazione di un grande numero di piante di cannabis per metro quadro, con l’obiettivo di fiorire precocemente e ottimizzare la quantità di fiori apicali per metro quadro. La tecnica mira a sfruttare al massimo l’area di coltivazione, producendo una “foresta” o “mare” di cime, piuttosto che lasciare che le singole piante crescano a dimensioni considerevoli.

Le Origini della tecnica Sea of Green

La precisa origine del SOG è avvolta nel mistero, come molte tecniche di coltivazione della cannabis che si sono evolute nell’ombra a causa delle leggi sulla proibizione. Si ritiene che il SOG sia stato sviluppato nei Paesi Bassi negli anni ’70 e ’80, un periodo in cui la coltivazione di cannabis indoor diventava sempre più popolare.

Il motivo dietro la creazione del SOG era semplice: massimizzare i rendimenti in spazi di coltivazione limitati, spesso clandestini. Invece di crescere poche piante grandi, che richiedevano molto tempo per raggiungere la maturità e potevano attirare l’attenzione, i coltivatori hanno iniziato a crescere molte piante più piccole, riducendo il tempo tra le raccolte.

Benefici dell’adozione del SOG

  1. Crescite Rapide: La tecnica SOG riduce significativamente il tempo di crescita vegetativa, permettendo ai coltivatori di passare rapidamente al ciclo di fioritura.
  2. Efficienza nello Spazio: Ottimizza l’uso dello spazio, rendendo possibile ottenere raccolti abbondanti anche in aree limitate.
  3. Minimizza i Rischi: Avere piante più piccole riduce il rischio di problemi come muffe e malattie, poiché la pianta passa meno tempo nella fase vegetativa.
  4. Raccolti Frequenti: Il breve ciclo di vita significa che i coltivatori possono avere diverse raccolte all’anno, massimizzando la produzione.
  5. Uniformità: Poiché le piante sono esposte alla luce in modo uniforme, la produzione di fiori è più consistente.
sea of green

Come si fa il SOG?

Realizzare il Sea of Green (SOG): Guida Dettagliata

Il Sea of Green, abbreviato come SOG, è una tecnica di coltivazione innovativa che mira a produrre un raccolto abbondante in breve tempo, sfruttando al massimo lo spazio disponibile. Ma come si implementa il SOG correttamente? Ecco una guida dettagliata:

1. Selezione delle Piante

Il primo passo è selezionare varietà di cannabis che si adattano bene alla tecnica SOG. Preferibilmente, scegli varietà che hanno una crescita compatta e che fioriscono rapidamente.

2. Germinazione e Crescita Iniziale

Inizia germinando i semi o usando talee. Una volta germinati, crescono in piccoli vasi per pochi giorni (fino a quando non sviluppano 2-3 set di foglie vere).

3. Trapianto e Densità

Dopo la crescita iniziale, trapianta le piantine in vasi definitivi. La densità è fondamentale nel SOG. Generalmente, si utilizzano da 9 a 16 piante per metro quadro, ma ciò dipende dalle dimensioni desiderate delle piante mature.

4. Crescita Vegetativa

Il periodo di crescita vegetativa nel SOG è breve, solitamente da 1 a 3 settimane. Il tuo obiettivo è far sì che le piante riempiano lo spazio disponibile senza sovrapporsi troppo.

5. Passa alla Fioritura

Dopo il breve periodo vegetativo, cambia il ciclo di luce a 12 ore di luce/12 ore di buio per innescare la fioritura.

6. Potatura e Training

Contrariamente a altre tecniche, con il SOG non è necessario potare o addestrare molto. Rimuovi le grandi foglie che possono ombreggiare i fiori sottostanti, ma evita di potare eccessivamente.

7. Monitoraggio e Cura

Monitora regolarmente le piante per segni di malattie o parassiti. A causa della stretta vicinanza delle piante nel SOG, i problemi possono diffondersi rapidamente.

8. Rete di Sostegno

A seconda della varietà e della crescita, potrebbe essere necessario utilizzare una rete o un sistema di sostegno per mantenere le piante erette e garantire che i fiori ricevano una luce adeguata.

9. Raccolta

Una volta che i fiori sono maturi (di solito identificabili dal colore dei tricomi e dai pistilli), è tempo di raccogliere. Poiché le piante nel SOG non sono grandi, la raccolta è solitamente più rapida rispetto ad altri metodi di coltivazione.

Punti Critici

  • Illuminazione: Garantire un’illuminazione adeguata a tutte le piante è fondamentale. Utilizza luci potenti e considera l’uso di riflettori per distribuire la luce uniformemente.
  • Ventilazione: Con tante piante vicine tra loro, una buona circolazione dell’aria è essenziale per prevenire malattie come la muffa.
  • Alimentazione: Poiché il SOG accelera il ciclo di vita delle piante, è essenziale fornire loro i nutrienti giusti nei momenti appropriati.
  • Spazio Radicale: Le radici delle piante avranno bisogno di spazio, quindi non risparmiare sul volume del terreno o del substrato. Se i vasi sono troppo piccoli, le piante possono diventare radicante e ciò influirebbe sulla loro crescita.
Sea of green SOG

Quante piante si possono mettere in un metro quadro?

Generalmente, usando la tecnica SOG, i coltivatori piazzano tra 9 e 16 piante per metro quadro. La densità specifica dipenderà dalla varietà della cannabis, dalle dimensioni dei vasi e dalla strategia di crescita adottata.

Quante piante autofiorenti in un metro quadro?

Le piante autofiorenti tendono a essere più piccole di quelle fotoperiodo. Pertanto, quando si utilizza il SOG con piante autofiorenti, è possibile piantare da 4 a 9 piante per metro quadro.

In questo video potrete vedere come un coltivatore gestisce la tecnica Sea of Green!

Quali sono le migliori varietà per il Sea of Green?

Le varietà ideali per il SOG sono quelle con un’abitudine di crescita più compatta e una struttura dominante apicale, dunque le cannabis di tipo Indica. Alcune delle migliori varietà per questa tecnica includono: Northern Lights, White Widow, Afghani e Blueberry. Ricorda, tuttavia, che la genetica specifica, le condizioni di coltivazione e la cura influenzeranno sempre i risultati.

In conclusione, la tecnica Sea of Green è un modo eccezionale per massimizzare la produzione in uno spazio limitato. Con una pianificazione e un’attenzione meticolosa, è possibile ottenere rendimenti generosi in un periodo di tempo relativamente breve.

Ooops

Sei un ribelle… Bravo! 😀

Ringrazia il tuo spirito ribelle, ti sei appena aggiudicato un codice sconto del 15%!!

Utilizza il codice –> sonounribelle <– per ricevere il 15% di sconto su tutti i prodotti WeWeed

<3

logo weweed

Weweed Marijuana Legale

Per accedere al sito devi essere maggiorenne

15% SCONTO SU ICE ROCK E MOONROK!

USA IL CODICE: ICEMOON15

SCADE IN 48H – PROVA LE BOMBE!