Cannabis Legale a prezzi imbattibili

La Marijuana è legale in Spagna? Ecco in realtà come funziona

Staff WeWeed

legalizzazione cannabis
Indice

Cosa dice la legge spagnola riguardo la cannabis? Andiamo a scoprire insieme la situazione del paese in tema di marijuana legale.

Negli ultimi anni la cultura della cannabis in Spagna ha vissuto una rapida diffusione. Il panorama giuridico della cannabis in Spagna è in evoluzione e, ad oggi, l’uso e il possesso di cannabis per consumo personale non è più considerato un reato penale. Sebbene possa sembrare un cambiamento significativo, è importante comprendere le sfumature delle leggi sulla cannabis in Spagna e come vengono applicate. Sebbene le cose possano ancora variare a seconda della regione, in generale la legge spagnola sulla cannabis offre la possibilità di consumo e produzione, ma a condizioni ben precise.

Consumo a scopo ricreativo

In Spagna, è vietato produrre, importare o vendere cannabis a scopo ricreativo, ai sensi dell’articolo 368 del Codice Penale. Questo reato comporta una pena detentiva da tre a sei anni.

Tuttavia, la giurisprudenza prevede che la coltivazione e il possesso di sostanze stupefacenti per il consumo personale o per l’uso condiviso in cui non vi è alcun rischio di diffusione sono considerati atti impuniti.

Inoltre, la legislazione sulla sicurezza stabilisce che il consumo o la detenzione di droghe in luoghi pubblici è un reato grave.

È importante notare che, nonostante la coltivazione di cannabis per il consumo personale non sia considerata un reato, la coltivazione a scopo di lucro o in luoghi pubblici resta illegale.

Le sanzioni

La severità delle sanzioni, che vanno dai 600 ai 30.000 euro, può variare a seconda dei casi. Se si viene sorpresi in possesso di più di 50 grammi di marijuana le sanzioni tendono a essere piuttosto pesanti. Se invece il quantitativo di erba non supera i 30/40 grammi si incorre in multe di minore entità.

Ma c’è dell’altro. La legge sulla cannabis in Spagna vieta non solo il consumo in pubblico, ma anche il possesso. Non c’è un minimo quantitativo, un limite da non superare o cose simili, è vietato e basta. Anche se esistono alcune, tacite eccezioni a questa regola.

Il “boom” del mercato della cannabis in Spagna.

Coltivazione e uso privato

Qui si rischia di fare un po’ di confusione. La legge spagnola dice espressamente che è proibito possedere marijuana. Altrettanto vero è però che la Costituzione spagnola garantisce ai suoi cittadini una forte protezione della privacy per quanto riguarda ciò che avviene dentro le abitazioni private. Al punto da poter quasi dire che il governo spagnolo permette ai cittadini di fare quello che vogliono dentro le loro case.

La “zona grigia” di Madrid

Per questo motivo a Madrid è tollerata (che è ben diverso da “legalizzata”) la coltivazione di “poche”, non meglio quantificate, piantine di marijuana per uso privato. Cosa che invece non è consentita a Barcellona. Sebbene a Madrid non ci siano leggi sulla cannabis che autorizzino ufficialmente questa pratica, la realtà è questa. Importante è però che tali piante vengano tenute lontane dalla vista di vicini, passanti ecc. Per esempio una pianta di cannabis posta sul balcone di casa e visibile al pubblico, non consentirebbe ai proprietari di avvalersi di alcuna protezione sulla privacy.

Scopi terapeutici e applicazioni mediche

marijuana legale

La coltivazione di cannabis per scopi di ricerca, medici e scientifici è vietata a meno che non sia autorizzata dall‘Agenzia spagnola del farmaco e dei dispositivi medici (AEMPS).

Attualmente, in Spagna, la cannabis medicinale non è regolamentata. Tuttavia, il 27 giugno 2022, il Congresso spagnolo ha approvato un rapporto sull’analisi delle esperienze di regolamentazione della cannabis per uso medico. Il testo include un totale di otto conclusioni che affermano, tra le altre cose, che ci sono “preparati di cannabis che possono avere usi terapeutici”. Di conseguenza, e in previsione della futura legalizzazione della cannabis, è stata istituita l’Associazione spagnola di cannabis medicinale (AECAME).

Le Autorizzazioni

La coltivazione della cannabis o la produzione di derivati per la commercializzazione è consentita solo nel caso di esportazione verso un’azienda autorizzata nel paese di origine.

Le autorizzazioni che possono essere ottenute dall’AEMPS per entrare nel settore della cannabis sono principalmente legate agli scopi di ricerca medica e scientifica, oltre che all’ottenimento dei lotti necessari per la convalida del processo di produzione.
Ad oggi, l’AEMPS ha concesso quattordici autorizzazioni per la coltivazione di cannabis a undici entità per scopi di ricerca, cinque per la produzione a scopo medico e scientifico e due per la produzione dei lotti necessari per la convalida del processo di produzione.

Politica e legalizzazione in Spagna

L’unico partito politico che sostiene la cannabis per scopi medici e ricreativi è Podemos. Il leader del partito, Pablo Iglesias, non è un consumatore di cannabis, ma cerca di cambiare la legge a favore della sua causa. Secondo Iglesias, la stigma associata ai consumatori di cannabis dovrebbe essere corretta e le persone che fumano una canna dovrebbero essere paragonate a quelle che bevono una birra al bar.

Podemos ritiene che la cannabis sia un cambiamento economico per la Spagna e dovrebbe essere considerata per i suoi benefici medicinali. Il partito sostiene che la legalizzazione ridurrebbe il mercato nero e che la Spagna potrebbe guadagnare 3,3 miliardi di euro in tasse e sicurezza sociale.

Spagna e Italia: le differenze in fatto di marijuana legale

La situazione nel nostro paese è piuttosto diversa da quella spagnola. Qui da noi, la legge su cui ci si basa in materia di marijuana legale è la 242/2016. In base a questo decreto l’unico tipo di cannabis coltivabile, vendibile e consumabile in Italia senza incorrere in problemi legali è la Cannabis Light e i prodotti a base di cbd come l’olio cbd   ed altri derivati. È selezionata per avere minimi livelli di THC, il quale non supera lo 0,5% nei prodotti da essa derivati.

>>Se sei curioso di sapere altro sul mondo della cannabis light clicca qui!

Ooops

Sei un ribelle… Bravo! 😀

Ringrazia il tuo spirito ribelle, ti sei appena aggiudicato un codice sconto del 15%!!

Utilizza il codice –> sonounribelle <– per ricevere il 15% di sconto su tutti i prodotti WeWeed

<3

logo weweed

Weweed Marijuana Legale

Per accedere al sito devi essere maggiorenne

PROVA GLI STRAIN PREIUM:

LE SELEZIONI DI ALTA GAMMA WEWEED!