Cannabis Legale a prezzi imbattibili

Guida all’olio di CBD: tutto quello che devi sapere

Staff WeWeed

olio di cbd
Indice

Hai sentito parlare dell’olio di CBD ma non sei sicuro di cosa sia o di come funzioni? Sei nel posto giusto! In questo articolo esploreremo a fondo tutto ciò che riguarda questa sostanza diventata tanto popolare. Dall’estrazione alla varietà di applicazioni, dai benefici alle controindicazioni, ti forniremo una guida completa per navigare nel mondo dell’olio di CBD. Buona lettura!

Leggi anche >>> CBD Effetti: Tutto Quello che Devi Sapere su Benefici e Rischi

Cos’è l’Olio CBD?

Il cannabidiolo, meglio noto come CBD, è un composto presente nella pianta di cannabis. Quando estratto e diluito con un olio vettore, come quello di cocco o di oliva, diventa un prodotto utilizzabile in diverse forme: gocce, capsule o anche creme.

A differenza del THC, l’altro noto componente della cannabis, il CBD non ha effetti psicoattivi.
Pertanto, l’olio di CBD è diventato sempre più popolare per un’ampia gamma di usi, dalla riduzione dell’ansia e del dolore alla potenziale efficacia in condizioni mediche più serie.

olio di cbd

Come si estrae l’olio di CBD

L’estrazione del cannabidiolo può avvenire attraverso vari metodi, ognuno con specifici pro e contro.
Uno dei processi più comuni è l’estrazione con CO2 che utilizza anidride carbonica pressurizzata per separare il CBD dalle altre sostanze presenti nella pianta.

Un altro metodo è l’estrazione con solvente, in cui si usano solventi come l’etanolo per ottenere il composto desiderato. C’è anche il metodo dell’olio, che prevede l’uso di un olio vettore per “catturare” il cannabidiolo. Ogni tecnica ha un impatto sulla purezza e la qualità del prodotto finito, quindi è fondamentale scegliere un prodotto che abbia utilizzato un metodo di estrazione affidabile.

A cosa serve l’olio CBD?

L’olio di CBD è diventato oggetto di interesse per una vasta gamma di applicazioni terapeutiche. Tra le più diffuse troviamo il trattamento di ansia e stress, dove viene spesso utilizzato per le sue proprietà calmanti.

È anche impiegato come rimedio per alleviare il dolore cronico, offrendo una soluzione alternativa a trattamenti più tradizionali che possono avere effetti collaterali indesiderati. Al di là di queste applicazioni, l’olio di CBD è al centro di ricerche per il suo potenziale uso in condizioni più gravi, come l’epilessia, la depressione e alcuni tipi di cancro. Vale la pena notare che mentre gli studi sono ancora in corso, i risultati iniziali sono promettenti.

Altri usi medici

L’olio di CBD è anche in fase di sperimentazione per il trattamento di condizioni come l’epilessia, il parkinson, la depressione e persino alcuni tipi di cancro.

Come agisce sul corpo

Il cannabidiolo interagisce con un sistema specifico nel nostro organismo chiamato sistema endocannabinoide, una rete di recettori che regola una serie di funzioni come il dolore, l’umore e il sonno. Quando il CBD entra in contatto con questi recettori modula le risposte contribuendo ad equilibrare diverse funzioni corporee.

Ad esempio, può agire sulle percezioni di dolore o aiutare a ridurre l’ansia e lo stress. A differenza del THC, il cannabidiolo non attiva i recettori endocannabinoidi nello stesso modo, evitando quindi gli effetti psicoattivi.

Come assumere l’olio CBD

Esistono diverse modalità per assumere l’olio di CBD e la scelta dipende spesso dall’uso specifico.
Per esempio, se lo scopo è alleviare il dolore localizzato l’applicazione topica potrebbe essere la più efficace. Se invece stai cercando effetti più generalizzati, come la riduzione dello stress o dell’ansia, le gocce sublinguali o le capsule possono essere più indicate.

Per i neofiti è consigliabile iniziare con una dose bassa e aumentare gradualmente, monitorando attentamente come il corpo reagisce. È anche fondamentale consultare un medico, soprattutto se si sta seguendo un altro tipo di trattamento o se si hanno condizioni mediche preesistenti.

Prodotti a base di olio di CBD e modalità d’uso

L’olio di cannabidiolo è estremamente versatile e può essere incorporato in una serie di prodotti diversi, ognuno con le sue particolari applicazioni:

  1. Gocce sublinguali: Le gocce sono forse la forma più diretta di assunzione. Posizionate sotto la lingua permettono un assorbimento rapido e preciso nel flusso sanguigno.
  2. Capsule di CBD: Queste sono ideali per chi cerca un dosaggio esatto e non gradisce il sapore delle gocce. Poiché devono essere digerite potrebbero richiedere più tempo per manifestare i loro effetti.
  3. Olio per massaggi: L’olio può essere usato nei massaggi, fornendo un modo diretto per mirare a muscoli doloranti o infiammati.
  4. Creme e Balsami: Questi prodotti combinano l’olio di CBD con altri ingredienti idratanti o terapeutici utili per il trattamento di affezioni cutanee come l’eczema o la psoriasi.
  5. Tinture: Simili alle gocce sublinguali ma spesso con una concentrazione di CBD diversa, sono fatte per essere aggiunte a cibi o bevande.
  6. Prodotti per animali domestici: Specifici per i nostri amici a quattro zampe, utilizzati per trattare ansia, dolore o altri disturbi.
  7. Bevande Infuse: Dai caffè agli smoothies, alcune bevande sono ora disponibili con l’aggiunta di CBD, offrendo un modo delizioso e facile per integrare il cannabidiolo nella tua dieta.

Ognuno di questi prodotti può permetterti di inserire il CBD nella tua routine quotidiana a seconda delle tue esigenze specifiche.

Quante gocce di CBD al giorno?

Quante gocce al giorno? Questa è una domanda che molti si pongono quando vogliono iniziare a usare il cannabidiolo per il benessere o per alleviare alcuni disturbi. La risposta non è univoca perché dipende da diversi fattori come il peso, l’età, la salute generale e la concentrazione di CBD nel prodotto scelto.

Come iniziare

In generale, si consiglia di iniziare con dosi basse e aumentare gradualmente fino a trovare il livello ottimale per le proprie esigenze. Un buon punto di partenza può essere assumere da 1 a 6 mg di CBD per ogni 10 kg di peso corporeo al giorno, suddivisi in due o tre somministrazioni. Per esempio, una persona di 70 kg potrebbe iniziare con 7-42 mg di CBD al giorno, equivalenti a circa 2-12 gocce di un olio al 5% di CBD.

Consultare un medico

Se sei in trattamento per una condizione medica o stai assumendo altri farmaci è fondamentale consultare un medico prima di iniziare un regime di CBD.

Olio di CBD benefici

La versatilità del cannabidiolo si riflette nella vasta gamma di benefici per la salute che può offrire.

  1. Ansia e stress: Uno dei motivi più comuni per cui le persone ricorrono al CBD è il trattamento di disturbi legati all’ansia e allo stress. Numerosi studi suggeriscono che può avere un effetto calmante sul sistema nervoso.
  2. Dolore cronico: Il CBD è spesso utilizzato come analgesico naturale, soprattutto per chi soffre di dolore cronico causato da artrite o lesioni.
  3. Qualità del sonno: Per chi lotta con insonnia o disturbi del sonno può aiutare a migliorare la qualità del riposo agendo sulle cause sottostanti come l’ansia o il dolore.
  4. Salute della pelle: Il trattamento topico di affezioni cutanee come l’eczema e la psoriasi è un altro uso promettente, grazie alle sue proprietà anti-infiammatorie.
  5. Sintomi neurologici: Ci sono ricerche in corso che esplorano il potenziale del CBD nel trattamento di disturbi neurologici come l’epilessia e la sclerosi multipla.
  6. Gestione del peso: Anche se i dati sono limitati alcune ricerche suggeriscono che potrebbe svolgere un ruolo nel controllo dell’appetito e nel metabolismo dei grassi.
  7. Salute cardiovascolare: Studi preliminari indicano che potrebbe avere effetti positivi sulla pressione sanguigna e sulla circolazione, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche.
  8. Antitumorale: Sebbene gli studi siano ancora in fase iniziale, il CBD è oggetto di indagine per il suo potenziale ruolo nel trattamento del cancro, soprattutto per quanto riguarda la riduzione delle dimensioni del tumore e l’attenuazione degli effetti collaterali della chemioterapia.
  9. Benefici per gli animali: Non solo gli esseri umani possono beneficiare del CBD; anche gli animali domestici possono trarre vantaggio da questo composto per problemi come l’ansia e il dolore.
  10. Altri benefici: La ricerca è in corso per scoprire altri potenziali benefici, incluso l’uso del CBD per disturbi come il diabete, le malattie autoimmuni e molto altro.

Controindicazioni e effetti collaterali

Nonostante i vari benefici è essenziale essere consapevoli anche delle potenziali controindicazioni e effetti indesiderati. Alcune persone potrebbero sperimentare effetti come secchezza della bocca, variazioni dell’appetito o disturbi gastrointestinali. Inoltre, il CBD può interagire con alcuni farmaci, potenziando o attenuando i loro effetti.

Questo è particolarmente rilevante per farmaci che influenzano il fegato o hanno un margine terapeutico stretto. Per chi è in gravidanza o allattamento l’uso di questo composto è generalmente sconsigliato a meno che non sia prescritto da un medico.

Leggi anche >>> Olio CBD controindicazioni: quello che devi sapere

CBD per gli animali

L’olio di CBD è un prodotto naturale che può aiutare gli animali a migliorare la loro salute e il loro benessere. Questo perché si tratta di un estratto della pianta di canapa che non ha effetti psicoattivi e non crea dipendenza.

L’olio di CBD può essere usato per alleviare il dolore, l’ansia, lo stress, l’infiammazione e altri disturbi che possono affliggere i nostri amici a quattro zampe. Inoltre, può favorire il sistema immunitario, il metabolismo e la digestione degli animali.

Basta aggiungerne qualche goccia al cibo o all’acqua oppure applicarlo direttamente sulla pelle o sul pelo. Si consiglia di iniziare con dosi basse e aumentarle gradualmente in base alla risposta dell’animale. L’olio di CBD è sicuro e ben tollerato dalla maggior parte degli animali ma è sempre bene consultare il veterinario prima di somministrarlo.

L’olio di CBD è legale in Italia?

L’olio di CBD è legale in Italia? Questa è una domanda che molti si pongono, soprattutto chi vuole approfittare dei benefici di questo prodotto naturale. La risposta non è semplice perché dipende da diversi fattori, come la provenienza della pianta di canapa, il contenuto di THC e il metodo di estrazione.

In generale, si può dire che l’olio di CBD è legale in Italia se proviene da varietà di canapa autorizzate dall’Unione Europea, se ha un livello di THC inferiore allo 0,2% e se è ottenuto con metodi che non alterano la composizione chimica della pianta. In caso contrario l’olio di CBD potrebbe essere considerato una sostanza stupefacente e quindi vietato dalla legge.

 a cosa serve l olio cbd?

Conclusioni

Ora dovresti avere un quadro chiaro di cosa sia questo prodotto, come viene estratto, e quali benefici e controindicazioni può avere. È evidente che il CBD offre una vasta gamma di applicazioni, da quelle terapeutiche a quelle legate al benessere generale.

Tuttavia, è fondamentale procedere con cautela e, idealmente, sotto la guida di un professionista della salute. La ricerca è ancora in corso e nuovi studi potrebbero mettere in luce ulteriori aspetti.

Ooops

Sei un ribelle… Bravo! 😀

Ringrazia il tuo spirito ribelle, ti sei appena aggiudicato un codice sconto del 15%!!

Utilizza il codice –> sonounribelle <– per ricevere il 15% di sconto su tutti i prodotti WeWeed

<3

logo weweed

Weweed Marijuana Legale

Per accedere al sito devi essere maggiorenne

PROVA GLI STRAIN PREIUM:

LE SELEZIONI DI ALTA GAMMA WEWEED!